smart-e-start-2020

Smart & Start 2020: i requisiti e la procedura del finanziamento

Il finanziamento Smart&Start è nato per sostenere la crescita e lo sviluppo delle StartUp Innovative di tutta Italia. Con il nuovo anno, sono state apportate delle modifiche al finanziamento Smart & Start 2020 di cui abbiamo parlato in un precedente articolo.

Per aiutare le aziende a comprendere se possono ricevere il finanziamento Smart & Start 2020, abbiamo deciso di compilare un’elenco di requisiti necessari per l’ottenimento di tale finanziamento.

SCHEDA DI PREFATTIBILITA’ «SMART & START » 2020

Per decidere se Smart & Start 2020 è il finanziamento giusto per la tua StartUp Innovativa, leggi questo elenco di requisiti.

Sono ammesse al finanziamento Smart & Start tutte le Start-Up Innovative di piccola dimensione che:

  • sono state costituite da non più di 60 mesi dalla data di presentazione della domanda
  • hanno la sede legale ed operativa ubicata sul territorio nazionale

Il finanziamento Smart&Start può essere richiesto anche da persone fisiche che intendono costituire una Start-Up innovativa entro 30 giorni dalla data di accettazione della domanda.

Le imprese esistenti devono essere iscritte al registro delle imprese sia nella sezione ordinaria, sia nella sezione speciale (art. 25, comma 8 del D.L. 179/2012).

Le imprese devono essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non devono essere messe in liquidazione volontaria e non devono essere sottoposte a procedure concorsuali.

Inoltre, le aziende devono essere in regola con le disposizioni vigenti in normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni, della salvaguardia dell’ambiente.

Infine, è necessario che le StartUp che intendono richiedere il finanziamento Smart & Start 2020 siano in regime di contabilità ordinaria.

Quali sono le spese ammissibili?

Non tutte le spese sono ammissibili per Smart & Start 2020. Di seguito tutte le tipologie di spesa ammesse dal finanziamento Smart & Start 2020:

  • immobilizzazioni materiali quali impianti, macchinari e attrezzature tecnologici, ovvero tecnico-scientifici, nuovi di fabbrica, purché coerenti e funzionali all’attività d’impresa, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’iniziativa agevolata.
  • immobilizzazioni immateriali necessarie all’attività oggetto dell’iniziativa agevolata, quali brevetti, marchi e licenze, certificazioni, know-how e conoscenze tecniche, anche non brevettate, correlate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.
  • servizi funzionali alla realizzazione del piano d’impresa, direttamente correlati alle esigenze produttive dell’impresa. Rientrano in tale categoria le spese per la progettazione, lo sviluppo, la personalizzazione e il collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi, le consulenze specialistiche tecnologiche nonché relativi interventi correttivi e adeguativi, i servizi forniti da incubatori e acceleratori d’impresa e quelli relativi al marketing ed al webmarketing. Rientrano, altresì, in tale categoria eventuali costi connessi alle collaborazioni instaurate con organismi di ricerca ai fini della realizzazione del piano d’impresa.
  • personale dipendente e collaboratori a qualsiasi titolo aventi i requisiti indicati all’articolo 25, comma 2, lettera h, numero 2, del D.L. n. 179/2012, nella misura in cui sono impiegati funzionalmente nella realizzazione del piano d’impresa.
  • I piani d’impresa devono: essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazione, essere realizzati entro 24 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento.

smart-e-start-2020

Ci sono altri requisiti?

Altri requisiti che la Start-Up Innovativa deve avere per Smart & Start 2020 sono:

  • disponibilità inizialmente almeno teorica (successivamente effettiva) di sede operativa complessivamente, amministrativamente, tecnicamente, funzionalmente idonea all’attivita’ proposta;
  • assenza di protesti, pignoramenti, procedure esecutive in essere a carico della società e dei soci. Assenza, inoltre, di procedure penali in corso;
  • mancanza di finanziamenti agevolati pregressi con Invitalia o Sviluppo Italia;
  • assenza di cartelle esattoriali superiori ad € 10.000,00, se non rateizzate;
  • l’attività non deve essere configurata o configurabile come prosecuzione, sostituzione, ampliamento, di diritto o di fatto di attività già esistente;
  • almeno uno dei soci deve possedere o dovrà possedere personalmente i requisiti professionali o tecnici necessari per lo svolgimento dell’attività proposta, o almeno, all’adeguato presidio imprenditoriale, amministrativo/organizzativo dell’attività proposta;
  • la società deve poter ottenere in futuro tutte le eventuali autorizzazioni e permessi necessari al corretto svolgimento dell’attività proposta;
  • i soci proponenti devono essere credibilmente in grado di gestire l’attività proposta senza ausilio almeno amministrativo/gestionale/organizzativo di soggetti terzi;
  • investimenti per suolo aziendale, fabbricati e opere murarie, macchinari, impianti e attrezzature, programmi informatici e servizi per l’i.t.c., brevetti, licenze e marchi, consulenze specialistiche, compresi i costi per la formazione specialistica dei soci e dei dipendenti: min 100.000,00 max 1,50 mln di euro;
  • autorizzazioni, permessi, fatture sono ammessi solo dopo la trasmissione telematica dell’istanza;
  • possibilità di copertura finanziaria, in base all’intensità di aiuto spettante dell’investimento complessivo + iva a carico dell’impresa, o con mezzi propri o finanziamenti di terzi;
  • possibilità di realizzare l’investimento entro 24 mesi dalla delibera di finanziamento;
  • capacità del progetto proposto di ammortizzare il finanziamento a tasso zero entro 10 anni, + 1 di premmortamento, + 2 per realizzazione dell’investimento stesso.

La nostra procedura Smart & Start 2020

Noi di Eurofinance abbiamo così strutturato la procedura per il finanziamento Smart & Start 2020:

FASE 1

  • Verifica di prefattibilità del progetto
  • Compilazione e Sottoscrizione Scheda requisiti di Prefattibilità
  • Valutazione telematica per fissazione incontro diretto con il cliente

FASE 2

  • Valutazione diretta del progetto con il cliente
  • Sottoscrizione incarico professionale
  • Conferimento costi istruttori
  • Acquisizione elenco documenti istruttori da produrre

FASE 3

  • Assegnazione istruttore progetto
  • Predisposizione bozza Atto Notarile (se necessaria)
  • Acquisizione bozza qualificata atto notarile (se necessaria)
  • Costituzione della società (se necessaria)

FASE 4

  • Preparazione e produzione documenti istruttori
  • Elaborazione Business Plan
  • Trasmissione Istanza e Business Plan

FASE 5

  • Istruttoria dell’istanza da parte di INVITALIA
  • Colloquio conoscitivo INVITALIA / soci
  • Esito istanza: DELIBERA DI FINANZIAMENTO / rigetto

FASE 6

  • Firma contratto finanziamento con INVITALIA
  • Richiesta Anticipo Finanziamento
  • Richiesta Finanziamento per S.a.l. ( in max 24 mesi)
  • Rendicontazione

Quali sono i tempi per ottenere il finanziamento?

Le Fasi 1 – 4 mediamente durano 60 giorni in condizioni standard.

Per la Fase 5 sono previsti dalla normativa 60 giorni dalla trasmissione. La Fase 6 dura dal minimo tempo per realizzare l’ investimento al massimo di 24 mesi, secondo richiesta clienti.

LEAVE REPLY

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *